breaking news New

Fare un safari in Sudafrica: consigli, informazioni e 5 strutture scelte da noi.

safari Cape Town

Quando si parla di Sudafrica una delle prime immagini che balzano alla mente sono quelle legate ai safari.

Fare un safari in Sudafrica significa entrare in contatto con la natura selvaggia ed incontaminata, una natura senza riserve ne fronzoli, una natura che emoziona ad ogni sguardo.

Il safari più famoso del Sudafrica è senza dubbio quello che si può fare nel Parco nazionale del Kruger dove convivono, tra gli altri, i magnifici Big Five, ovvero i cinque animali che dominano questa zona e motivo per i quali molte persone effettuano un safari.

Se siete in visita a Cape Town e non avete intenzione di spostarvi così tanto, una delle opzioni più ricorrenti e consigliabili è quella di fare un safari in riserve private nelle vicinanze di Cape Town.

Noi abbiamo selezionato 5 riserve naturali private che organizzano safari in Sudafrica, ognuna delle quali offre esperienze diverse modulabili secondo le vostre esigenze. 

Prima di illustrarvele, però, ecco qualche informazione utile da sapere prima di fare un safari in Sudafrica

Consigli per fare un safari in Sudafrica

Chi sono i Big Five?

I Big Five sono gli animali più famosi e pericolosi della savana: il leone, l’elefante, il leopardo, il rinoceronte ed il bufalo. L’espressione Big Five si riferisce alla battuta di caccia dei cinque animali più pericolosi da cacciare. Dunque i cinque animali più ambiti tra i cacciatori.

Oggi fortunatamente questi cinque animali in via d’estinzione sono tutelati e non è più permesso cacciarli.

Esiste anche l’espressione Big Seven che include anche la balena e lo squalo bianco. L’unico luogo sulla terra dove è possibile ammirarli tutti e sette è Addo Elephant National Park.

Quando sarete in Sudafrica fate caso alle banconote: su ogni Rand è raffigurato uno dei Big Five.

Qual è il periodo migliore per fare un safari in Sudafrica?

Considerando sempre che le stagioni sono invertite rispetto alle nostre (per maggiori informazioni leggete questo nostro articolo dedicato al clima a Cape Town), la stagione migliore per fare un safari in Sudafrica è quella che va da giugno a settembre, ovvero in inverno. Questo perché la fauna sarà molto più spoglia rispetto alla rigogliosa estate, dunque sarà più facile avvistare gli animali. Se invece prediligete il contatto con la flora sudafricana, allora vi consigliamo la stagione estiva.

Come vestirsi per un safari in Sudafrica?

Dipende.

Spesso i safari cominciano all’alba o nel tardo pomeriggio, perciò è consigliabile vestirsi pesante ed a strati. Non dimenticatevi un cappello ed una sciarpa. Prediligete sempre dei colori neutri ed il più possibile naturali. Niente colori sgargianti.

Non dimenticate un binocolo, la protezione solare ed ovviamente la macchina fotografica per immortalare questa esperienza.

 

E adesso scopriamo 5 strutture che organizzano un safari in Sudafrica

1) Gondwana Private Game Reserve – Nel Western Cape, a meno di 4 ore di distanza in auto da Cape Town, si trova il Gondwana Private Game Reserve, l’unica riserva al mondo in cui si può fare un safari nel Fynbos, la vegetazione arbustiva tipica di questa regione.

Il Gondwana è una riserva privata avviata da Mark e Wendy Rutherfoord che, sei anni fa, trasformarono una serie di allevamenti di bovini e ovini in una destinazione di lusso per safari.

Con un’estensione di 11.000 ettari, al Gondwana è possibile avvistare non solo i Big Five ma anche molte altre specie in via di estinzione, tra cui il rinoceronte nero, i ghepardi sudafricani ed una variegata specie di antilopi. Non solo, è possibile ammirare anche gazzelle, zebre e giraffe che qui vivono indisturbate.

I colori vivaci, le valli ondulate, la cornice spettacolare delle montagne Langeberg  così come delle catene montuose di Outeniqua e Swartberg regalano un contesto paesaggistico naturale da mozzare il fiato.

Agli ospiti del Gondwana è offerta anche la possibilità di fare molte attività all’aria aperta: dal safari a cavallo o a piedi, escursioni in mountain bike, il golf safari ed il birdwatching. Anche i più piccoli possono fare safari personalizzati accompagnati da ranger qualificati che illustreranno loro la vita in una riserva naturale.

Ma non solo, la struttura presenta anche una bellissima SPA e la possibilità di vivere un’esperienza culinaria di livello all’aria aperta.

Tra le varie sistemazioni è possibile pernottare nel Kwena Lodge, ovvero moderne suite a pianta circolare con vista a 180 gradi sul paesaggio circostante, lucernari per osservare le stelle e profonde vasche dove rilassarsi dopo una lunga giornata all’aria aperta.

Ideali, invece, per famiglie e gruppi in vacanza sono le 12 ville spaziose ed eleganti totalmente immerse nella natura. Le Bush & Fynbos Villas sono infatti provviste di una piscina privata, un centro benessere ed un ristorante all’aperto dove degustare le specialità locali e godere del meraviglioso paesaggio.

Per chi vuole immergersi a 360 gradi nell’esperienza che una riserva naturale può offrire, allora non può farsi scappare la possibilità di partecipare alle attività di volontariato organizzate dalla medesima. Il programma è ricco e prevede il pernottamento in una tenda privata eco-friendly da un minimo di cinque notti ad un massimo di dodici.

Totalmente differente è invece l’esperienza che si può vivere nella Ulubisi House, una spaziosa ed elegante villa all’interno di una zona privata di 1000 ettari con chef, maggiordomo e guida personali.

Per consultare il sito web del Gondwana Game Reserve ciccate qui.

safari Cape Town

2) Aquila Private Game Reserve- Situato a sole due ore di auto da Cape Town nella regione del Western Cape, Aquila Private Game Reserve è una struttura all’avanguardia immersa in 10.000 ettari di natura incontaminata.

La struttura è nota per l’eccellenza del servizio e per l’impegno nell’ecosostenibilità e responsabilità ambientale del proprietario Searl Derman. Il proposito dell’Aquila Private Game Reserve è infatti quello di proteggere il territorio e la sua fauna così come della comunità locale che qui vive da centinaia di anni.

È possibile pernottare nella struttura (consigliamo almeno 2 giorni) ed usufruire degli eccellenti servizi: dall’ottima cucina che propone, tra gli altri, i piatti tipici della tradizione sudafricana, una SPA che si avvale dell’utilizzo di prodotti biologici e naturali, fino alla piscina all’aperto dove potersi rilassare a fine giornata, magari al tramonto. Oltre alle classiche camere, è possibile soggiornare in cottage privati in legno completamente immersi nella natura.

Oltre a questo, l’Aquila Private Game Reserve offre la possibilità di esplorare la riserva in un quod, in auto oppure a cavallo.

Ma ciò che gli ospiti amano di più, ovviamente, sono i safari nella riserva che possono essere prenotati anche da chi non soggiorna presso l’Aquila Private Game Reserve. Durante il safari è possibile avvistare i magnifici Big Five così come moltissime altre specie in via di estinzione.

La struttura offre numerose possibilità per effettuare questa escursione: dai safari di mezza giornata, che possono essere effettuati all’alba, nel pomeriggio oppure al tramonto, a quelli della durata di un giorno così come i safari di notte, il safari di due giorni, oppure in elicottero o a cavallo.

A seconda dell’opzione scelta è inclusa un’abbondante colazione a buffet, un pranzo e la possibilità di concludere la giornata nel centro benessere della struttura.

Per consultare il sito  web dell’Aquila Private Game Reserve ciccate qui.

safari Cape Town

3) Inverdoorn Game Reserve- Situato nel Karoo meridionale, a circa due e ore e mezzo di auto da Cape Town, l’Inverdoorn Game Reserve offre sistemazioni confortevoli ed eleganti con la possibilità di fare safari nel totale rispetto della natura.

Nata come una delle più grandi fattorie di frutta secca dell’emisfero meridionale, la riserva è tornata al suo splendore grazie all’intervento di Jean-Michel e Cathy Vergnaud che si sono impegnati, tra le altre cose, a reintrodurre le specie endemiche tipiche di questa regione.

Oggi l’Inverdoorn Game Reserve è una riserva privata di 10.000 ettari brulicante di fauna selvatica di ogni tipo che si distingue per la protezione del territorio e dei suoi animali.

Nel 2001 l’Inverdoorn Game Reserve ha infatti istituito un centro di riabilitazione e conservazione del ghepardo con lo scopo di restituirlo al suo habitat naturale e salvarlo così dall’estinzione.

Durante la vostra permanenza sarà, infatti, possibile effettuare un safari dedicato unicamente al ghepardo, seguendone il percorso di riabilitazione ed ammirarli durante la loro quotidianità.

In aggiunta vengono organizzati splendidi safari di gruppo, o privati, per scoprire l’immensa riserva ed i numerosi animali che ci vivono, tra i cui i Big Five.

I safari durano circa 3 ore e mezza a bordo di un veicolo scoperto: elefanti, gnu, leoni, giraffe, antilopi sono solo alcune specie che incontrerete.

Prima di tornare al lodge per un gustoso pranzo all’aperto a base dei piatti tradizionali sudafricani, la guida vi condurrà al centro di riabilitazione dei ghepardi, vera anima della riserva.

Se volete prolungare questa magnifica esperienza, è possibile prenotare il pernottamento in una delle tante sistemazioni disponibili: dalle guest house ai lussuosi chalet a cinque stelle.

In alternativa è possibile prenotare un safari notturno che può avvenire o all’alba o al tramonto, momenti in cui gli animali sono più vivaci, e pernottare in una tenda fornita di tutti i confort immersi nella natura.

Per consultare il sito web dell’Inverdoorn Game Reserve ciccate qui.

safari Cape Town

4) Sanbona- A circa due ore di auto da Cape Town, nel cuore del Karoo meridionale, in un paesaggio straordinario incorniciato dalle montagne del Warmwaterberg, sorge Sanbona. Questa riserva naturale ospita una fauna selvatica incredibilmente ricca, tra cui 650 tipi di piante (la cui fioritura prolifica tra agosto e settembre) e 216 specie di uccelli.

L’esistenza di una ricca e variegata vegetazione è possibile grazie al costante impegno che la riserva investe nel preservare la flora di questa regione. Non solo, anche la fauna è protetta. Oltre i Big Five, nella riserva vivono moltissime specie di animali in via d’estinzione, tra cui i conigli fluviali.

La varietà di vegetazione e le moltissime specie animali che popolano la riserva, offrono ai visitatori alcuni degli scenari più belli del Sudafrica, apprezzabili ancora di più attraverso un safari guidato.

Moltissimi i percorsi possibili e moltissimi gli orari in cui fare il safari: dall’alba fino al tramonto, in auto scoperta oppure a piedi.

Ad accompagnarvi durante il safari, ovviamente una guida qualificata che vi illustrerà nel dettaglio la riserva.

Un’opzione meno convenzionale per scoprire il territorio è quella di fare un safari in barca, percorrendo la diga di Bellair, che attraversa tutta la riserva di Sanbona. Ideale durante il tramonto.

Per i più piccoli, invece, vengono proposti dei safari personalizzati e divertenti con moltissime attività e workshop a loro dedicati.

Per concludere in bellezza la giornata, vi consigliamo di pernottare nella riserva. Sono possibili varie opzioni, adatte a tutti i gusti, dal lodge di lusso dotato di ogni confort possibile, a quello in stile fattoria con tetto di paglia affacciato sulla diga di Bellair, fino alle lussuose tende da campeggio situate in un incantevole boschetto.

Per consultare il sito web del Sanbona ciccate qui.

safari Cape Town

 

5) Garden Route Game Lodge- Distante tre ore e mezzo di auto da Cape Town, la riserva naturale a conduzione familiare Garden Route Game Lodge custodisce lo spettacolare l’ingresso della famosa Garden Route Coast sudafricana.

Dotati di alloggi di lusso, un ristorante di livello ed un incredibile paesaggio circostante, la struttura offre la possibilità di fare safari guidati a scelta, adatti anche ai più piccoli.

La partenza è o al mattino presto o nel tardo pomeriggio, orari in cui la fauna sudafricana è più attiva.

Oltre alla possibilità di avvistare i Big Five, la riserva ospita anche una varietà di specie di antilopi, giraffe, zebre e numerosi uccelli.

La struttura dedica una particolare attenzione ai più piccoli, con la possibilità di partecipare a safari personalizzati, attività ludiche e tour interattivi per scoprire la riserva e la sua fauna divertendosi.

Consigliamo di soggiornare almeno due notti in una delle splendide strutture offerte dalla riserva, tra cui gli chalet per le coppie in luna di miele o le ville di lusso indipendenti, e godere così del ricco programma, tra abbondanti colazioni, pranzi e cene a base dei piatti tipici della tradizione sudafricana, una piscina all’aria aperta , una SPA ed escursioni indimenticabili.

In alternativa è possibile partecipare ad un safari della durata di circa tre ore e provare comunque l’esperienza di vivere a stretto contatto con la natura.

Per consultare il sito web del Garden Route Game Lodge ciccate qui.

safari Cape Town

Speriamo che questo articolo vi sia piaciuto. Vi consigliamo di lasciarvi ispirare anche dal post dedicato agli sport e alle attività all’aria aperta da fare a Cape Town.

 

0 Comments

Leave a Comment

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password